di Federico Niccolai.

Può il cinema italiano competere a livello mondiale con le grandi produzioni hollywoodiane? La risposta è Sì e questo sorprendente film dimostra che con tante idee, una bella regia e degli ottimi attori si può creare un film di livello, un gran bel film.

La storia è intelligente, bella e straordinariamente incredibile nella sua umanità e genialità. Un emarginato romano (Claudio Santamaria) acquisisce straordinari poteri che inizialmente usa per commettere crimini ma dopo l’incontro con Alessia (Ilenia Pastorelli, strepitosa all’esordio) li userà per combattere il male, proprio come il supereroe dei nostri tempi. Il cattivo è interpretato da uno dei migliori attori italiani del momento Luca Marinelli (Zingaro nel film) già magnifico nel bellissimo “Non essere cattivo” ultimo capolavoro del maestro Caligari. Una storia semplice ma allo stesso tempo fantastica che però non cede mai al banale, girata in modo quasi perfetto dal giovane Gabriele Mainetti all’esordio, altra incredibile sorpresa positiva. Un film che potrebbe essere girato da un maestro del cinema orientale come Sion Sono o Takeshi Mike, perchè ad oggi solo il cinema orientale può proporre un prodotto del genere, fantastico, adrenalinico, romantico e pieno di significati profondi, come la solitudine, le periferie abbandonate di una Roma cupa che somiglia a Gotham City e il riscatto e la voglia di vendetta di una gioventù abbandonata al suo destino. Insomma un lavoro eccellente che dimostra che il cinema italiano può competere davvero e proporre prodotti di livello eccellente. Ovviamente andrebbe aperta una penosa parentesi sul fatto che un film del genere, nonostante il successo di pubblico e di critica sia stato distribuito in pochissime sale e praticamente senza alcuna pubblicità, ma purtroppo lo stato comatoso del nostro cinema è questo… uno dei migliori film di quest’anno, sicuramente da non perdere!

TRAILER